correva l'anno

Le contestazioni del ’68 e il profondo mutamento di intere generazioni

today29 Giugno 2022 64

Sfondo
share close

La fine degli anni ‘60 fu segnata da un profondo cambiamento generazionale che portò al movimento noto con il nome di Sessantotto.

In realtà con questo termine non ci si riferisce al solo anno ma a una più ampia stagione di ribellione partita tra i giovani attratti dall’idea di poter cambiare la società e soprattutto rivoluzionare il concetto di politica fino a quel momento valido.

manifestazione del sessantotto

Un senso di insoddisfazione che cominciò a serpeggiare e si diffuse soprattutto tra studenti e operai e che esplose prima di tutto nelle università poi nelle scuole, nelle fabbriche e infine nelle piazze.
Al centro delle proteste vi erano le istituzioni e quei valori tradizionali che le istituzioni stesse avevano protetto non sempre con metodi pacifici.
Di fatto, era la ribellione alla società occidentale e al capitalismo

Il primo segnale di quanto sarebbe di lì a poco accaduto, si ebbe nei campus universitari americani già a metà degli anni ‘60. Centinaia di giovani scesero in strada in difesa dei diritti civili, contro le discriminazioni razziali e contro la guerra in Vietnam. Diverse motivazioni, ma uguali proteste, ben presto si diffusero anche in Europa, in primis in Francia. In Italia, la rivolta e la diffusione del movimento giovanile prese le mosse soprattutto come contestazione politica e per il fallimento del miracolo economico degli anni ‘50.

Anche la musica cambiò ritmo e significato. Negli anni frenetici della contestazioni prese vita il filone del cantautorato politico ed impegnato che molto si distaccava dalla classica “musica italiana romantica” protagonista tra i ’50 e i primi ’60. Ricordiamo ad esempio, Fabrizio de Andrè che scrisse con Bentiviglio e Piovani “Storia di un impiegato” con il bravo di apertura “Canzone di maggio” ispirata proprio alle rivolte partite a maggio ’68 in Francia.
Più che in altri paesi europei, proprio in Italia tale contestazione degenerò in estremismo e violenza gettando il Paese nei tragici anni del “terrorismo”.
Malgrado ciò, possiamo dire che la stagione della rivolta diede impulso ad una partecipazione più attiva dei giovani e delle donne alla politica con una marcata sensibilità per i temi della pace e dei diritti civili.

Scritto da: redazione

Articolo precedente

correva l'anno

La moda dei mitici ’60

tra innovazione e contestazione Gli anni 60 sono stati definiti da sempre i “mitici” eppure sono stati anni di grandi cambiamenti e rivoluzioni che hanno toccato tutti gli aspetti della vita sociale. Sono gli anni della guerra in Vietnam, di Kennedy, dello sbarco sulla Luna, di Woodstock e delle contestazioni giovanili. Sono stati anni tormentati in cui soprattutto il mondo occidentale viveva un profondo cambiamento sulla morale, lo stile di […]

today20 Giugno 2022 90 3

Romantica Radio la vera melodia  che parla al tuo cuore un viaggio lungo 40 anni con le più belle canzoni dagli anni 60 ai primi anni 90.

Contatta la redazione

Telefono / Whatsapp
331 240 7878

E-Mail
info@romanticaradio.it

Media Partner:

Romantica Radio la vera melodia  che parla al tuo cuore un viaggio lungo 40 anni con le più belle canzoni dagli anni 60 ai primi anni 90.

Contatta la redazione

Telefono / Whatsapp
331 240 7878

E-Mail
info@romanticaradio.it

Media partner

Romantica Radio
gruppo Multiradio S.r.l. – Lic.SIAE 2021-442

0%

Romantica Radio
sempre con te!

Continua ad ascoltare i tuoi brani preferiti dallo smartphone, in auto o da uno smart speaker!